Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Cisteamina bitartrato orale e Acetilcisteina per i pazienti con lipofuscinosi ceroide neuronale infantile


La lipofuscinosi neuronale ceroide infantile è una malattia neurodegenerativa devastante da accumulo lisosomiale causata da mutazioni nel gene CLN1 o PPT1 che codifica per la palmitoil-proteina tioesterasi 1 ( PPT1 ).

La Fosfocisteamina e la Acetilcisteina ( N-Acetilcisteina ) mediano la deplezione ceroide in cellule colturali di pazienti con questa malattia.
Si è valutato se la combinazione orale di Cisteamina bitartrato e Acetilcisteina sia benefica per i pazienti con lipofuscinosi ceroide neuronale.

I bambini tra i 6 mesi e i 3 anni di età con lipofuscinosi ceroide neuronale infantile con due delle sette mutazioni PPT1 più letali sono stati considerati adatti ad essere inclusi in questo studio pilota.
I pazienti hanno ricevuto per via orale Cisteamina bitartrato ( 60 mg/kg al giorno ) e Acetilcisteina ( 60 mg/kg al giorno ) e sono stati valutati ogni 6-12 mesi fino ad avere un elettroencefalogramma isoelettrico ( EEG, attestante uno stato vegetativo ) o fino ad essere troppo malati per viaggiare.

I pazienti sono stati valutati anche con elettroretinografia, risonanza magnetica ( MRI ) del cervello, spettroscopia di risonanza magnetica ( MRS ) e analisi al microscopio elettronico dei leucociti per depositi granulari osmiofili ( GROD ).
I bambini sono anche stati sottoposti a valutazioni fisiche e dello sviluppo neurologico alla scala Denver.
I risultati sono stati confrontati con la storia naturale riferita di lipofuscinosi ceroide neuronale infantile e con quella dei fratelli maggiori affetti dalla malattia.

Tra il 2001 e il 2012 sono stati reclutati 10 bambini con lipofuscinosi ceroide neuronale infantile; un bambino è stato perso al follow-up dopo la prima visita e 9 pazienti ( 5 ragazze e 4 ragazzi ) sono stati seguiti per 8-75 mesi.

La risonanza magnetica per immagini ha mostrato anomalie simili a quelle osservate in precedenti report; il volume del cervello e l’acido N-acetil aspartico ( NAA ) sono costantemente diminuiti, ma non esistevano studi quantitativi pubblicati di risonanza magnetica o MRS disponibili per un confronto.

Nessuno dei bambini ha acquisito nuove abilità nello sviluppo, e la loro funzione retinica è diminuita progressivamente.

Il tempo medio a EEG isoelettrico ( 52 mesi ) è stato più lungo di quanto riportato in precedenza ( 36 mesi ).

Alla prima visita di follow-up, i leucociti periferici in tutti e 9 i pazienti hanno mostrato una deplezione virtualmente completa di GROD.

I genitori e i medici hanno riportato meno irritabilità, migliore vigilanza, o entrambe in 7 pazienti.

Non ci sono stati eventi avversi correlati al trattamento a parte lievi disturbi gastrointestinali in 2 pazienti, che sono scomparsi quando la Cisteamina bitartrato liquida è stata sostituita con capsule.

I risultati suggeriscono che la terapia di combinazione con Cisteamina bitartrato e Acetilcisteina sia associata a un ritardo di EEG isoelettrico, deplezione di GROD e benefici soggettivi riportati dai genitori e medici.
La relazione sistematica e quantitativa sulla storia naturale dei pazienti con lipofuscinosi ceroide neuronale infantile fornisce una guida per la futura valutazione di terapie sperimentali. ( Xagena2014 )

Levin SW et al, Lancet 2014;13:777-787

MalRar2014 Med2014 Neuro2014 Farma2014

Altri articoli