Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



BPCO moderata-grave: Acetilcisteina 600 mg due volte al giorno può prevenire le riacutizzazioni


L’aumento dello stress ossidativo e della infiammazione ha un ruolo nella patogenesi della malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ).
I farmaci con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, come la Acetilcisteina ( NAC, N-Acetilcisteina, Fluimucil ), potrebbero fornire un approccio terapeutico utile per la BPCO.

Uno studio ha valutato se l’Acetilcisteina sia in grado di ridurre il tasso di esacerbazioni nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva.

In questo studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli ( PANTHEON ), i ricercatori hanno arruolato pazienti di età 40-80 anni con BPCO da moderata a grave ( FEV1 post-broncodilatatore / FVC inferiore a 0.7 e FEV1 del 30-70 % del predetto ) in 34 ospedali della Cina.

Riguardo all’uso dei corticosteroidi per via inalatoria ( uso regolare o non-uso ) al basale, i pazienti sono stati stratificati e casualmente assegnati a ricevere Acetilcisteina ( una compressa da 600 mg, due volte al giorno ) oppure placebo per 1 anno.

L'endpoint primario era il tasso di esacerbazione annuale nei pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e avevano avuto almeno una visita di valutazione dopo la randomizzazione.

Durante il periodo 2009-2010, i ricercatori hanno compiuto uno screening su 1.297 pazienti; di questi 1.006 sono risultati eleggibili per la randomizzazione ( 504 ad Acetilcisteina e 502 a placebo ).

Dopo 1 anno, i ricercatori hanno osservato 497 esacerbazioni acute in 482 pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Acetilcisteina ed erano stati sottoposti ad almeno una visita di valutazione ( 1.16 esacerbazioni per paziente-anno ) e 641 esacerbazioni acute in 482 pazienti nel gruppo placebo ( 1.49 esacerbazioni per paziente-anno; risk ratio, RR=0.78; p=0.0011 ).

L’Acetilcisteina è stata ben tollerata: 146 ( 29% ) dei 495 pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Acetilcisteina hanno presentato eventi avversi gravi ( n=48 ), così come 130 ( 26% ) dei 495 pazienti trattati con placebo ( n=46 ).
L'evento avverso grave più comune era la riacutizzazione della BPCO, che si è verificata in 32 ( 6% ) dei 495 pazienti nel gruppo Acetilcisteina e in 36 ( 7% ) dei 495 pazienti nel gruppo placebo.

Lo studio ha dimostrato che nei pazienti cinesi affetti da BPCO da moderata a grave, l'uso a lungo termine di Acetilcisteina 600 mg due volte al giorno può prevenire le riacutizzazioni, soprattutto nella malattia di moderata gravità. ( Xagena2014 )

Zheng JP et al , Lancet Respiratory Medicine 2014; Early Online Publication

Pneumo2014 Farma2014

Altri articoli