Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Effetti fattoriali di Evolocumab e Atorvastatina sul metabolismo delle lipoproteine


Gli anticorpi monoclonali contro la proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), come Evolocumab, abbassano le concentrazioni di colesterolo LDL.
i suoi Si stanno valutando gli effetti sugli esiti cardiovascolari di Evolocumab ( Repatha ) nei pazienti ad alto rischio trattati con statine. 

Il meccanismo di azione degli anticorpi monoclonali PCSK9 sul metabolismo delle lipoproteine deve ancora essere pienamente valutato. La cinetica di un tracciante isotopo stabile può chiarire efficacemente la modalità di azione di nuove terapie farmacologiche per la regolazione dei lipidi.

È stato condotto uno studio degli effetti di Atorvastatina [ Torvast ] ( 80 mg al giorno ) ed Evolocumab sottocutaneo ( 420 mg ogni 2 settimane ) per 8 settimane sulla cinetica plasmatica delle lipoproteine a bassissima densità (VLDL)-apolipoproteina B-100 (apoB), lipoproteine a densità intermedia-apoB e e lipoproteine a bassa densità (LDL)-apoB in 81 uomini normolipidemici sani, non-obesi. 
La cinetica di apoB in queste lipoproteine è stata studiata utilizzando una infusione di isotopo stabile di D3-leucina, gascromatografia / spettrometria di massa, e modelli multicompartimentali.

Atorvastatina ed Evolocumab hanno accelerato indipendentemente il catabolismo frazionato di VLDL-apoB ( P minore di 0.001 e P=0.032, rispettivamente ), lipoproteine a densità intermedia-apoB ( P=0.021 e P=0.002, rispettivamente ) e LDL-apoB ( P minore di 0.001, entrambi gli interventi ).

Evolocumab, ma non Atorvastatina, ha diminuito la velocità di produzione di lipoproteine a densità intermedia-apoB ( P=0.043 ) e LDL-apoB ( P minore di 0.001 ), che ha contribuito alla riduzione delle dimensioni nel plasma di queste particelle di lipoproteine. 

La riduzione delle concentrazioni di LDL-apoB e di colesterolo LDL è risultata significativamente maggiore con la combinazione rispetto alla monoterapia ( P minore di 0.001 ).

Mentre Evolocumab, ma non Atorvastatina, ha abbassato la concentrazione di PCSK9 libero, Atorvastatina ha abbassato il rapporto latosterolo / campesterolo ( una misura di sintesi / assorbimento del colesterolo ) e la concentrazione di apoC-III.

Entrambi gli interventi hanno diminuito apoE nel plasma, ma non hanno cambiato significativamente la lipoproteina lipasi e la massa della proteina dei colesteril esteri né le misure di insulino-resistenza.

Dallo studio è emerso che, in soggetti sani, normolipidemici, Evolocumab ha diminuito la concentrazione di lipoproteine aterogene, in particolare LDL, accelerando il loro catabolismo. 
Riduzioni nelle lipoproteine a densità intermedia e la produzione di LDL hanno anche contribuito alla diminuzione della concentrazione di particelle LDL con Evolocumab mediante un meccanismo diverso da quello dell’Atorvastatina.

Questi risultati cinetici forniscono una base metabolica per comprendere i potenziali benefici degli anticorpi monoclonali PCSK9 aggiuntivi alle statine in studi clinici in corso. ( Xagena2017 )

Watts GF et al, Circulation 2017; 135: 338-351

Cardio2017 Endo2017 Farma2017

Altri articoli