Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Efficacia e sicurezza di Ticagrelor rispetto all'Aspirina nell'ictus acuto o TIA di origine aterosclerotico


Ticagrelor ( Brilique ) è una efficace terapia antipiastrinica per i pazienti con malattia aterosclerotica coronarica e potrebbe essere più efficace dell'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] nel prevenire ictus ricorrenti ed eventi cardiovascolari in pazienti con ischemia cerebrale acuta di origine aterosclerotica.

È stata testata l'interazione tra trattamento e stenosi aterosclerotica ipsilaterale in una analisi di sottogruppi di pazienti nello studio SOCRATES ( Acute Stroke or Transient Ischaemic Attack Treated with Aspirin or Ticagrelor and Patient Outcomes ).

SOCRATES era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato di Ticagrelor versus Aspirina in pazienti di età pari o superiore a 40 anni con ictus ischemico acuto non-cardioembolico, ictus ischemico acuto non-grave o attacco ischemico transitorio ( TIA ) ad alto rischio da 674 ospedali in 33 Paesi.

I pazienti sono stati randomizzati a Ticagrelor ( dose di carico di 180 mg al giorno 1 seguita da 90 mg due volte al giorno nei giorni 2-90, somministrato per via orale ) oppure Aspirina ( 300 mg al giorno 1 seguiti da 100 mg al giorno nei giorni 2 -90, somministrato per via orale ) entro 24 ore dall'insorgenza dei sintomi.

I pazienti sono stati classificati in gruppi aterosclerotici e non-aterosclerotici per l'analisi esplorativa prespecificata riportata in questo studio.
L'endpoint primario era il tempo all’insorgenza di ictus, infarto miocardico o morte entro 90 giorni.

Tra il 2014 e il 2015 sono stati assegnati casualmente 13.199 pazienti ( 6.589, 50%, a Ticagrelor e 6.610, 50%, ad Aspirina ).

Stenosi aterosclerotica ipsilaterale potenzialmente sintomatica è stata riportata in 3.081 su 13.199 pazienti ( 23% ).

È stata trovata una interazione tra stenosi aterosclerotica e trattamento ( P=0.017 ).
103 su 1.542 pazienti ( 6.7% ) con stenosi ipsilaterale nel gruppo Ticagrelor e 147 su 1.539 pazienti ( 9.6% ) con stenosi ipsilaterale nel gruppo Aspirina hanno presentato ictus, infarto miocardico o morte entro 90 giorni ( hazard ratio, HR=0.68, P=0.003 ).

In 10.118 pazienti senza stenosi ipsilaterale, 339 su 5.047 pazienti ( 6.7% ) nel gruppo Ticagrelor hanno sofferto di un ictus, infarto miocardico o sono morte entro 90 giorni rispetto a 350 su 5.071 ( 6.9% ) nel gruppo Aspirina ( HR=0.97, P=0.72 ).

In questa analisi esplorativa prespecificata, Ticagrelor è risultato superiore all'Aspirina nel prevenire ictus, infarto miocardico o morte a 90 giorni in pazienti con ictus ischemico acuto o attacco ischemico transitorio quando è stato associato a stenosi aterosclerotica ipsilaterale.
Una comprensione dei meccanismi e delle cause dell'ictus è importante per fornire trattamenti sicuri ed efficaci per la prevenzione dell'ictus precoce. ( Xagena2017 )

Amarenco P et al, Lancet Neurology 2017; 16: 301-310

Neuro2017 Cardio2017 Farma2017

Altri articoli