MedFocus.it

Correlazioni in Medicina



Efficacia comparativa e sicurezza degli anticoagulanti orali diretti e di Warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica


Il profilo beneficio-rischio degli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) rispetto al Warfarin e tra gli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica non è ben definito.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica arruolati in un ampio database amministrativo con sede negli Stati Uniti tra il 2011 e il 2017.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali diretti ( come classe e individualmente ) rispetto al Warfarin ( Coumadin ) e tra gli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica.

Gli esiti primari erano il ricovero per ictus ischemico / embolia sistemica e il ricovero per sanguinamento maggiore.
Le ponderazioni del trattamento di probabilità inversa sono state utilizzate per bilanciare i gruppi di trattamento sui fattori confondenti misurati.

Complessivamente, sono stati inclusi 10.209 partecipanti, di cui 4.421 ( 43.2% ) trattati con Warfarin, 2.721 ( 26.7% ) Apixaban [ Eliquis ], 2.211 ( 21.7% ) Rivaroxaban [ Xarelto ] e 851 ( 8.3% ) Dabigatran [ Pradaxa ]. I tassi di incidenza per 100 anni-persona per ictus ischemico / embolia sistemica sono stati 2.2, 1.4, 2.6 e 4.4 rispettivamente per gli anticoagulanti orali diretti come classe, Apixaban, Rivaroxaban e Warfarin.

I tassi di incidenza per 100 anni-persona per sanguinamento maggiore sono stati 7.9, 6.5, 9.1 e 15.0 rispettivamente per gli anticoagulanti orali diretti come classe, Apixaban, Rivaroxaban e Warfarin.

Dopo ponderazione del trattamento a probabilità inversa, il rischio di ospedalizzazione per ictus ischemico / embolia sistemica è risultato significativamente inferiore tra gli anticoagulanti orali diretti come classe ( hazard ratio HR, 0.64 ) o Apixaban ( HR, 0.40 ) rispetto a Warfarin, ma non è stato significativamente differente tra Rivaroxaban vs Warfarin ( HR, 0.76 ) o Rivaroxaban vs Apixaban ( HR, 1.73 ).

Rispetto al Warfarin, il rischio di ospedalizzazione per sanguinamento maggiore è stato inferiore con gli anticoagulanti orali diretti come classe ( HR, 0.69 ), Apixaban ( HR, 0.60 ) e Rivaroxaban ( HR, 0.79 ).
Tuttavia, il rischio di ospedalizzazione per sanguinamento maggiore è stato più alto per Rivaroxaban rispetto ad Apixaban ( HR, 1.59 ).

Tra i pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica, gli anticoagulanti orali diretti come classe sono stati associati a minori rischi di ospedalizzazione per ictus ischemico / embolia sistemica e sanguinamento maggiore rispetto al Warfarin.

Tuttavia, l'incidenza degli esiti clinici tra i pazienti con fibrillazione atriale e malattia epatica cronica è variata tra i singoli anticoagulanti orali diretti e il Warfarin e nei confronti diretti tra anticoagulanti orali diretti. ( Xagena2023 )

Lawal OD et al, Circulation 2023; 147: 782-794

Cardio2023 Gastro2023 Farma2023