Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Acetilcisteina versus placebo nella nefropatia indotta da contrasto e nel danno di riperfusione miocardica in pazienti con infarto STEMI


Il LIPSIA-N-ACC ( Prospective, Single-Blind, Placebo-Controlled, Randomized Leipzig Immediate PercutaneouS Coronary Intervention Acute Myocardial Infarction N-ACC ) trial ha valutato gli effetti della N-acetilcisteina ( Acetilcisteina, NAC ) sulla nefropatia indotta da mezzi di contrasto e sul danno da riperfusione in pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ), che si dovevano sottoporre ad angioplastica primaria con moderati volumi di contrasto.

In passato si era visto che alti dosaggi di N-acetilcisteina erano in grado di diminuire l'incidenza di nefropatia indotta da mezzi di contrasto in pazienti con alti volumi di contrasto e di ridurre il danno da riperfusione in studi su animali.

Nello studio LIPSIA-N-ACC i pazienti che si dovevano sottoporre ad angioplastica primaria sono stati randomizzati ad alto dosaggio di Acetilcisteina ( 2 x 1200 mg/giorno per 48 ore; n=126 ) o placebo più idratazione ottimale ( n=25 ).

I due endpoint primari erano: 1) aumento maggiore di 25% del livello sierico di creatinina in meno di 72 ore dopo la randomizzazione e 2) riduzione del danno da riperfusione misurato come indice di salvataggio cardiaco con risonanza magnetica per immagini.

Il volume mediano di un agente di contrasto iso-osmolare durante l'angiografia è stato di 180 ml nel gruppo N-acetilcisteina e 160 ml nel gruppo placebo ( p=0.20 ).

L'endpoint primario di nefropatia indotta da mezzo di contrasto si è manifestato nel 14% del gruppo N-acetilcisteina e nel 20% del gruppo placebo ( p=0.28 ).

Anche l'indice di salvataggio miocardico non è risultato differente tra i 2 gruppi di trattamento ( 43.5 vs 51.5; p=0.36 ).

I prodotti proteici attivati dall'ossigeno e le lipoproteine ossidate a bassa densità come marcatori dello stress ossidativo sono risultati ridotti anche del 20% nel gruppo N-acetilcisteina ( p minore di 0.05 ), mentre non sono stati osservati cambiamenti evidenti nel gruppo placebo.

In conclusione, l’Acetilcisteina ad alto dosaggio per via endovenosa ha ridotto lo stress ossidativo.
La NAC non ha, tuttavia, prodotto un beneficio clinico aggiuntivo rispetto al placebo riguardo alla nefropatia indotta da contrasto alla e al danno da riperfusione nei pazienti non selezionati che si devono sottoporre ad angioplastica con dosi moderate di mezzo di contrasto e idratazione ottimale. ( Xagena2010 )

Thiele H et al, J Am Coll Cardiol 2010; 55: 2201-2209


Cardio2010 Farma2010 Nefro2010



Altri articoli

Specialità ( Italian version )