[top banner]

Medical Search Engine Mediexplorer.net

Conservazione della laringe: dal confronto tra chemioterapia e radioterapia sequenziale o alternante non sono emerse differenze


Sia la chemioterapia di induzione seguita da irradiazione sia la chemioterapia e la radioterapia concomitanti sono considerate opzioni alternative alla laringectomia totale nei pazienti con cancro della laringe in stadio avanzato o carcinoma ipofaringeo.

Ricercatori dell’EORTC ( European Organization for Research and Treatment of Cancer ) Radiation Oncology Group hanno riportato i risultati di uno studio clinico di fase 3.

I pazienti con carcinoma della laringe ( stadio T3-T4 ) o dell’ipofaringe ( stadio T2-T4 ) a cellule squamose resecabile e in stadio avanzato, con linfondi regionali nel collo classificati come stadio N0-N2 e senza metastasi, sono stati assegnati a trattamento nel gruppo sequenziale ( o controllo ) e nel gruppo alternante ( o sperimentale).

Nel gruppo sequenziale, i pazienti con una riduzione uguale o superiore al 50% del tumore primario dopo 2 cicli di Cisplatino e 5-Fluorouracile hanno ricevuto altri 2 cicli, seguiti da radioterapia ( 70 Gy totali ).

Nel braccio sperimentale, un totale di 4 cicli di Cisplatino e 5-Fluorouracile ( nelle settimane 1, 4, 7 e 10 ) sono stati alternati a radioterapia ( 20 Gy ) durante i 3 intervalli di 2 settimane tra i cicli di chemioterapia ( 60 Gy totali ).

Tutte le persone che non hanno risposto al trattamento sono state sottoposte a chirurgia di salvataggio e radioterapia post-operatoria.

I 450 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale al trattamento ( 224 nel gruppo sequenziale e 226 in quello alternante ) e sono stati seguiti per un periodo osservazionale mediano di 6,5 anni.

La sopravvivenza con laringe funzionale è risultata simile nel braccio sequenziale e in quello alternante ( hazard ratio per morte e/o eventi = 0,85 ), così come la sopravvivenza generale mediana ( 4,4 e 5,1 anni, rispettivamente ) e l’intervallo mediano libero da progressione ( 3,0 e 3,1 anni, rispettivamente ).

Mucositi di grado 3 o 4 sono state osservate nel 32% dei 200 pazienti nel gruppo sequenziale che hanno ricevuto radioterapia e nel 21% dei 220 pazienti nel gruppo alternante.
Edema grave tardivo e/o fibrosi sono stati osservati nel 16% dei pazienti nel braccio sequenziale e nell’11% nel braccio alternante.

In conclusione, la conservazione della laringe, l’intervallo libero da progressione e la sopravvivenza generale sono risultati simili nei due rami dello studio, così come gli effetti collaterali acuti e tardivi. ( Xagena2009 )

Lefebvre JL et al, J Natl Cancer Inst 2009; 101: 142-152


Onco2009 Farma2009

Articoli correlati

Cancro del esofago: Cetuximab associato a chemioradioterapia non aumenta la sopravvivenza

Palifermina riduce la mucosite grave nella chemioradioterapia definitiva del tumore testa-collo localmente avanzato

Cinque versus sei frazioni di radioterapia a settimana per il carcinoma squamoso di testa e collo

Effetto della radioterapia dopo chirurgia mammaria conservativa sulla ricorrenza a 10 anni e il decesso a 15 anni

Radioterapia preoperatoria combinata con escissione mesorettale totale per carcinoma del retto resecabile

Il solo regime ABVD versus radioterapia nel linfoma di Hodgkin di stadio limitato

Chemioradioterapia concomitante versus accelerazione della radioterapia con o senza chemioterapia concomitante nel carcinoma avanzato di testa e collo

Endpoint surrogati per la mortalità specifica per tumore prostatico dopo radioterapia e terapia di soppressione androgenica in uomini con carcinoma alla prostata localizzato o localmente avanzato

Confronto tra Capecitabina più Cisplatino vs Capecitabina più Cisplatino con concomitante radioterapia con Capecitabina nel cancro gastrico completamente resecato con dissezione dei linfonodi D2

Radioterapia a intensità modulata, terapia protonica o radioterapia conformazionale e morbilità e controllo della malattia nel carcinoma alla prostata localizzato