Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Sicurezza di Ticagrelor preoperatorio con o senza Aspirina rispetto alla sola Aspirina in pazienti con sindromi coronariche acute sottoposti a bypass coronarico


La tempistica ottimale di interruzione del Ticagrelor ( Brilique ) prima della cardiochirurgia è un argomento controverso.
È stata valutata la sicurezza dell’uso preoperatorio di Ticagrelor con o senza Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nei pazienti con sindromi coronariche acute sottoposti a intervento di bypass coronarico isolato ( CABG ) rispetto alla sola Aspirina.

Lo studio clinico prospettico, multicentrico, è stato condotto in 15 Centri europei di cardiochirurgia.
I partecipanti erano pazienti con sindrome coronariche acute sottoposti a bypass aorto-coronarico isolato dal registro E-CABG ( European Multicenter Study on Coronary Artery Bypass Grafting ) nel 2015.

Prima di un intervento chirurgico, i pazienti hanno ricevuto Ticagrelor con o senza Aspirina, oppure la sola Aspirina.

Il principale risultato era il grave sanguinamento definito dalla Universal Definition of Perioperative Bleeding ( UDPB ) e dai criteri di classificazione del sanguinamento E-CABG.

Dei 2.482 pazienti dal registro E-CABG, lo studio di coorte ha incluso 786 pazienti ( 31.7% ) consecutivi con sindromi coronariche acute ( età media, 67.1 anni ); 132 ( 16.8% ) soggetti erano di sesso femminile.

L’uso preoperatorio di Ticagrelor è risultato associato a un rischio simile di sanguinamento secondo le classificazioni di sanguinamento UDPB e E-CABG, ma l'incidenza di trasfusione di piastrine è stata maggiore nel gruppo Ticagrelor ( 13.5%, 29 su 215, vs 6.0%, 13 su 215 ).

Rispetto ai soggetti trattati con la sola Aspirina, continuare Ticagrelor fino al momento dell’intervento chirurgico o sospendere il suo uso meno di 2 giorni prima della chirurgia era associato a un più alto rischio di trasfusione di piastrine ( 22.7%, 5 su 22, vs 6.4%, 12 su 187 ) e a sanguinamento e-CABG di grado 2 e 3 ( 18.2%, 4 su 22, vs 5.9%, 11 su 187 ), con una tendenza ad avere un maggior rischio di UDPB di grado 3 e 4 ( 22.7%, 5 su 22, vs 9.6%, 18 su 187 ).

Tra i pazienti nei quali l'uso di farmaci antiaggreganti è stato interrotto almeno 2 giorni prima dell'intervento chirurgico, l'incidenza di trasfusione di piastrine è stata del 12.4% ( 24 su 193 ) nel gruppo Ticagrelor e del 3.6% ( 1 su 28 ) nel gruppo solo Aspirina.

In conclusione, tra i pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti a CABG, l'uso di Ticagrelor preoperatorio con o senza Aspirina rispetto alla sola Aspirina è risultato associato a più trasfusioni di piastrine, ma simile grado di sanguinamento.
Nei pazienti trattati con Ticagrelor 1 giorno prima o fino all’intervento chirurgico è stato riscontrato un aumento del tasso di grave sanguinamento. ( Xagena2016 )

Gherli R et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 921-928

Cardio2016 Chiru2016 Farma2016

Altri articoli

Specialità ( Italian version )